Manuale di riferimento

Questo documento è coperto dal Copyright © 2015 dei suoi autori come elencati in seguito. È possibile distribuirlo e/o modificarlo nei termini sia della GNU General Public License (http://www.gnu.org/licenses/gpl.html), versione 3 o successive, che della Creative Commons Attribution License (http://creativecommons.org/licenses/by/3.0/), versione 3.0 o successive.

Collaboratori

Jean-Pierre Charras.

Traduzione

Marco Ciampa <ciampix@libero.it>, 2014-2015.

Feedback

Si prega di inviare qualsiasi rapporto bug, suggerimento o nuova versione a:

Data di pubblicazione e versione del software

23 maggio, 2015.

1. Introduzione a Pl_Editor

Pl_Editor è un editor di disposizione (layout) di fogli tecnici che consente di creare riquadri iscrizioni (cartigli), personalizzati inseriti in fogli squadrati.

Il riquadro iscrizioni, associato alla squadratura dei fogli e ad altri elementi grafici (loghi) viene chiamato disposizione pagina.

Gli elementi di base della disposizione pagina sono:

  • Linee

  • Rettangoli

  • Testi (con simboli di formato, che saranno rimpiazzati dal testo corrente, come data, numero di pagina, ecc.) in Eeschema o Pcbnew.

  • Poli-poligoni (principalmente per inserire loghi e forme grafiche speciali)

  • Bitmap.

Avvertenza
Le bitmap possono essere tracciate sono da pochi plotter (solo PDF e PS). Per questo motivo gli altri plotter tracceranno solo un rettangolo vuoto.
  • Gli elementi possono essere ripetuti e testi e poli-poligoni possono essere ruotati.

2. File di Pl_Editor

2.1. File in ingresso e riquadro iscrizioni predefinito

Pl_Editor legge o scrive i file di descrizione disposizione pagina *.kicad_wks (fogli di lavoro KiCad).

Per mostrare il riquadro iscrizioni predefinito di KiCad, fino a quando non viene letto un file, viene usato un foglio di descrizione di disposizione pagina predefinito.

2.2. File in uscita

La descrizione della disposizione pagina corrente può essere scritta in un file *.kicad_wks, usando il formato S-espression, che è usato diffusamente in KiCad.

Questo file può essere usato per mostrare la disposizione pagina personalizzata in Eeschema e/o Pcbnew.

3. Teoria delle operazioni

3.1. Proprietà di base degli elementi della disposizione pagina:

Gli elementi di base della disposizione pagina sono:

  • Linee

  • Rettangoli

  • Testi (con simboli di formato, saranno rimpiazzati dal testo corrente, come data, numero di pagina, ecc.) in Eeschema o Pcbnew.

  • Poli-poligoni (usati principalmente per piazzare loghi e speciali simboli grafici). Questi poli poligoni vengono creati da Bitmap2component, e non possono essere creati dentro pl_editor, dato che non è possibile creare tali forme a mano.

  • Bitmap per piazzare loghi.

Avvertenza
Le bitmap possono essere tracciate solo da pochi plotter: solo PDF e PS.

Perciò:

  • Testi, poli-poligoni e bitmap sono definite da una posizione, e possono essere ruotati.

  • Linee (in effetti segmenti) e rettangoli sono definiti da due punti: un punto iniziale e un punto finale. Non possono essere ruotati (non ha senso per i segmenti).

Questi elementi di base possono essere ripetuti.

I testi ripetuti accettano anche un valore di incremento per le etichette (ha significato solo se il testo è di una lettera o una cifra).

3.2. Definizione delle coordinate

Ogni posizione, punto di inizio e punto di fine, degli elementi è sempre relativa ad un angolo pagina.

Questa caratteristica assicura che si possa definire una disposizione pagina indipendente dalla dimensione pagina.

3.3. Angoli di riferimento e coordinate:

images/it/page_property_1.png

  • Quando la dimensione pagina viene cambiata, la posizione dell’elemento, relativa al suo angolo di riferimento, non cambia.

  • Di solito, i riquadri iscrizioni sono posizionati nell’angolo in basso a destra, perciò questo è l’angolo predefinito durante la creazione di un elemento.

Per i rettangoli e i segmenti, che possiedono due punti definiti, ogni punto ha il suo angolo di riferimento.

3.4. Rotazione

Gli elementi che hanno una posizione definita da un solo punto (testi e poli-poligoni) possono essere ruotati:

Normale: rotazione = 0

images/it/text_noriented.png

Ruotata: rotazione = 20 e 10 gradi.

images/it/text_rotated.png

3.5. Opzione ripeti

Gli elementi possono essere ripetuti:

Utile per creare griglie e etichette griglia.

scaledwidth=

4. Testi e formati

4.1. Simboli di formato:

I testi possono essere delle semplici stringhe e possono includere simboli di formato.

I simboli di formato vengono rimpiazzati dai valori correnti in Eeschema o Pcbnew.

Sono simili ai simboli di formato delle funzioni printf.

Un simbolo di formato è un % seguito da una lettera.

Il formato %C possiede una cifra (identificatore di commento).

I simboli di formato sono:

%% = rimpiazzato da %

%K = versione KiCad

%Z = nome formato pagina (A4, USLetter …)

%Y = nome azienda

%D = data

%R = revisione

%S = numero foglio

%N = numero di fogli

%Cx = commento (x = 0 a 9 per identificare il commento)

%F = nomefile

%P = percorso foglio (nome completo foglio, per Eeschema)

%T = titolo

Esempio:

"Dimensione: %Z" mostra "Dimensione: A4" o "Dimensione: USLetter"

Modalità schermo utente: images/icons/pagelayout_normal_view_mode.png attivata. Il riquadro iscrizioni viene mostrato come in Eeschema e Pcbnew

images/it/show_fields_data.png

Modalità schermo "Nativa": images/icons/pagelayout_special_view_mode.png attivata. Il testo nativo inserito in Pl_Editor, insieme ai simboli di formato.

images/it/show_fields_codes.png

4.2. Testi multiriga:

I testi possono essere multiriga.

Ci sono due modi per inserire un ritorno a capo nei testi:

  1. Inserire la sequenza di due caratteri "\n" (principalmente nella finestra di diaglogo di impostazione pagina in KiCad).

  2. Inserire un ritorno a capo nella finestra di progettazione di Pl_Editor.

Ecco un esempio:

Impostazione

images/it/options_multi_line.png

Uscita

images/it/multi_line.png

4.3. Testi multiriga nella finestra di dialogo di impostazione pagina:

Nella finestra di impostazione della pagina, i controlli del testo non accettano testo multiriga.

La sequenza di due "\n" caratteri dovrebbe essere inserita per forzare un ritorno a capo in un testo.

Ecco un testo a due righe, nel campo Commento 2:

images/it/insert_newline_code.png

Ecco il testo corrente:

images/it/multi_line_2.png

Comunque, se si vuole veramente la "\n" dentro il testo, inserire 2\\n".

images/it/insert_slashnewline_code.png

E il testo mostrato:

images/it/multi_line_3.png

5. Limitazioni

5.1. Limiti pagina 1

Usando Eeschema, lo schema elettrico completo spesso usa più di una pagina.

Normalmente gli elementi di disposizione vengono mostrati su tutte le pagine.

Ma se un utente vuole che alcuni elementi vengano mostrati solo sulla pagina 1, o solo non sulla pagina 1, ciò è possibile impostando l'"opzione pagina 1":

images/it/display_options.png

Opzione pagina 1:

  • Nulla: nessun limite.

  • Solo pagina 1: gli elementi saranno visibili solo sulla pagina 1.

  • Non in pagina 1: gli elementi saranno visibili su tutte le pagine a parte la pagina 1.

5.2. Limiti complessivi dimensione testo

images/it/constraint_options.png

Solamente per i testi, si possono impostare 2 parametri:

  • la dimensione massima in X

  • la dimensione massima in Y

le quali definiscono un rettangolo di delimitazione.

Quando questi parametri non sono a 0, durante la visualizzazione, se il testo completo risulta più grande della dimensione massima X e/o della dimensione massima Y, l’altezza e la larghezza del testo correnti vengono modificati dinamicamente per adattarli alla dimensione massima del rettangolo di delimitazione.

Quando la dimensione corrente è minore della dimensione massima X e/o della dimensione massima Y, la larghezza/altezza del testo non viene modificata.

Il testo senza rettangolo di delimitazione. Dim X max = 0,0 Dim Y max = 0,0

images/en/constraints_none.png

Lo stesso testo con limiti. Dim max X = 40,0 Dim max Y = 0,0

images/en/constraints_defined.png

Un testo multilinea, limitato:

Impostazione

images/it/constraint_options.png

Uscita

images/it/block_constraints.png

6. Invocazione di Pl_Editor

Pl_Editor viene invocato solitamente dalla riga di comando o dal manager di KiCad.

Dalla riga di comando, la sintassi è pl_editor <*.kicad_wks file da aprire>.

7. Comandi di Pl_Editor

7.1. Schermo principale

L’immagine sottostante mostra la finestra principale di Pl_Editor.

images/it/main_window.png

Il pannello di sinistra contiene l’elenco degli elementi di base.

Il pannello di destra è l’editor delle impostazioni dell’elemento.

7.2. La barra strumenti della finestra principale

images/it/main_toolbar.png

La barra strumenti superiore permette un facile accesso ai seguenti comandi:

images/icons/pagelayout_new.png

Seleziona la netlist da elaborare.

images/icons/pagelayout_load.png

Carica un file di descrizione disposizione pagina.

images/icons/save.png

Salva la descrizione disposizione pagina corrente in un file .kicad_wks.

images/icons/sheetset.png

Mostra il selettore dimensione pagina e l’editor dati utente del riquadro iscrizioni.

images/icons/print_button.png

Stampa la pagina corrente.

images/icons/delete.png

Elimina l’elemento attualmente selezionato.

images/icons/undo.png images/icons/redo.png

Strumenti di annullamento/ripetizione.

images/icons/zoom_in.png images/icons/zoom_out.png images/icons/zoom_redraw.png images/icons/zoom_fit_in_page.png

Rispettivamente ingrandisci, rimpicciolisci, ridisegna e inquadra tutto.

images/icons/pagelayout_normal_view_mode.png

Mostra la disposizione pagina in modalità utente: i testi vengono mostrati come in Eeschema o Pcbnew: i simboli di formato testo vengono rimpiazzati dai testi dell’utente.

images/icons/pagelayout_special_view_mode.png

Mostra la disposizione pagina in modalità nativa: i testi vengono mostrati "come sono", comprensivi dei formati, senza alcuna sostituzione.

images/it/set_base_corner.png

Selezione angolo di riferimento, per le coordinate mostrate nella barra di stato.

7.3. Comandi nell’area di disegno (pannello disegno)

7.3.1. Comandi da tastiera

F1

Zoom In

F2

Zoom Out

F3

Ridisegna lo schermo

F4

Sposta il cursore al centro della finestra

Home

Imposta la visualizzazione dell’impronta esattamente nella finestra

Barra spazio

Imposta le coordinate relative alla posizione corrente del cursore

Freccia a destra

Sposta il cursore a destra di una posizione della griglia

Freccia a sinistra

Sposta il cursore a sinistra di una posizione nella griglia

Freccia su

Sposta il cursore in alto di una posizione nella griglia

Freccia giù

Sposta il cursore in basso di una posizione nella griglia

7.3.2. Comandi con il mouse

Rotellina

Zoom in e out alla posizione corrente del cursore

Ctrl + Rotellina

Pan a destra e a sinistra

Maiusc + Rotellina

Pan su e giù

Clic tasto destro

Apre il menu contestuale

7.3.3. Menu contestuale

Mostrato dal clic destro del mouse:

  • Aggiungi linea

  • Aggiungi rettangolo

  • Aggiungi testo

  • Accoda file di descrizione disposizione pagina

Sono comandi per aggiungere elementi di disposizione di base alla descrizione disposizione pagina corrente.

  • Selezione zoom: selezione diretta della finestra di zoom.

  • Selezione griglia: selezione diretta della griglia.

Nota

Accoda file descrizione disposizione pagina serve ad aggiungere poli-poligoni per i loghi.

Dato che solitamente per un logo servono centinaia di vertici, è impossibile creare un poligono a mano. Ma è possibile accodare un file di descrizione creato da Bitmap2Component.

7.4. Informazioni sulla barra di stato

La barra di stato è dislocata in fondo a Pl_Editor e fornisce utili informazioni all’utente.

images/it/pl_status_bar.png

Le coordinate sono sempre relative all’angolo selezionato come riferimento.

8. Finestra sinistra

La finestra a sinistra mostra l’elenco degli elementi della disposizione.

Si può selezionare un dato elemento (facendo clic sinistro sulla linea) o, facendo clic destro invece, mostrare un menu a scomparsa.

Questo menu permette di eseguire delle operazioni di base: aggiungere un nuovo elemento o eliminare quello selezionato.

→ Un elemento selezionato viene anche disegnato in un colore diverso nel pannello di disegno.

Albero del progetto: l’elemento 19 è selezionato e mostrato evidenziato nel pannello di disegno.

images/it/project_tree.png

9. Finestra destra

La finestra destra è la finestra di modifica.

images/it/property_none.png

images/it/property_main.png

Su questa finestra si possono impostare le proprietà pagina e le proprietà elemento dell’elemento corrente.

Le impostazioni mostrate dipendono dall’oggetto selezionato:

Impostazioni per linee e rettangoli

Impostazioni per testi

images/it/property_line.png

images/it/property_text.png

Impostazioni per poli-poligoni

Impostazioni per bitmap

images/it/property_polyline.png

images/it/property_bitmap.png

10. Modifica interattiva

10.1. Selezione elemento

Un elemento può essere selezionato:

  • Dall’albero di progettazione.

  • Facendo clic sinistro su di esso.

  • Facendo clic destro su di esso (verrà mostrato un menu a scomparsa).

Quando viene selezionato, questo elemento viene disegnato in giallo.

images/edit_line.png

Il punto di inizio ( images/edit_line_start.png ) e il punto di fine ( images/edit_line_end.png ) sono evidenziati.

Facendo clic destro sull’elemento, viene mostrato un menu a scomparsa.

Le opzioni del menu a scomparsa dipendono leggermente dalla selezione:

images/it/context_line_move_start.png

images/it/context_line_move_end.png

images/it/context_line_move.png

Se viene trovato più di un elemento, verrà mostrato un menu di disambiguazione per la selezione dell’elemento:

images/it/dialog_select_element.png

images/drag_element.png

Una volta selezionato, l’elemento, o uno dei suoi capi, possono essere spostati muovendo il mouse e piazzati (clic destro del mouse).

10.2. Creazione elementi

Per aggiungere un nuovo elemento, fare clic destro con il mouse quando il puntatore del mouse è sulla finestra sinistra o nell’area di disegno.

Viene mostrato un menu a scomparsa:

Menu a scomparsa nella finestra sinistra

images/it/context_createnew.png

Menu a scomparsa nell’area di disegno.

images/it/context_createnew2.png

Linee, rettangoli e testi vengono aggiunti facendo semplicemente clic sul corrispondente elemento del menu.

I loghi devono essere prima creati con Bitmap2component che crea un file di descrizione disposizione pagina.

L’opzione accoda file di descrizione disposizione pagina accoda questo file per inserire il logo (un poli-poligono).

10.3. Aggiunta di linee, rettangoli e testi

Quando si fa clic sull’opzione, si apre una finestra di dialogo:

Aggiunta di linee o rettangoli

images/it/dialog_newline.png

Aggiunta testo

images/it/dialog_newtext.png

La posizione dei capi e dell’angolo di riferimento possono essere definite qui.

Comunque queste possono essere anche definite più avanti, dalla finestra di destra, o spostando l’elemento, o uno dei suoi capi.

Il più delle volte l’angolo di riferimento è lo stesso per entrambi i punti.

Se nel nostro caso non è così, è meglio definire l’angolo di riferimento durante la creazione, perché se questo viene cambiato in seguito, la geometria dell’elemento potrebbe risultare alterata.

Quando un elemento viene creato, se viene messo in modalità spostamento, si può rifinire la sua posizione (ciò risulta molto utile per testi e linee o rettangoli minuscoli)

10.4. Aggiunta di loghi

Per aggiungere un logo, un poli-poligono (l’immagine vettorizzata del logo) questo deve essere stato creato in precedenza usando bitmap2component.

Bitmap2component crea un file di descrizione disposizione pagina in coda al progetto corrente, usando l’opzione Aggiungi file di descrizione disposizione pagina.

Bitmap2component crea un file di descrizione disposizione pagina che contiene solo un elemento: un poli-poligono.

Comunque, questo comando può essere usato per accodare qualsiasi file di descrizione disposizione pagina, il quale viene unito al progetto corrente.

Una volta inserito un poli-poligono, questo può essere spostato ed i suoi parametri modificati.

10.5. Aggiunta immagini bitmap

È possibile aggiungere una immagine bitmap usando i più comuni formati (PNG, JPG, BMP …).

  • Quando una bitmap viene importata, la sua dimensione in PPI (pixel per pollice) viene posta a 300PPI.

  • Questo valore può essere modificato nel pannello proprietà (pannello a destra).

  • La dimensione effettiva dipende da questo parametro.

  • Tenete presente che usando alte definizioni porta alla creazione di file di grandi dimensioni e tempi di disegno e di tracciatura sensibilmente aumentati.

Una immagine bitmap può essere ripetuta, ma non ruotata.